Loading...

Chirurgia Laser Refrattiva:
Tecnica Z-Lasik

La FEMTOLASIK è preferita alla PRK quando si desidera ottenere un recupero visivo rapido e una veloce stabilizzazione visiva; è inoltre la procedura di scelta nei pazienti non più giovani, in cui i tempi di riformazione dell’epitelio sono allungati.

Tecnica di esecuzione

Al paziente vengono instillate poche gocce di collirio anestetico, e quindi viene richiesto di sdraiarsi sul lettino del laser e di fissare, restando fermo con entrambi gli occhi aperti, una luce rossa situata dentro il laser.
L’intervento di LASIK è suddiviso in tre parti:

  • Il chirurgo esegue, avvalendosi di un particolare laser, chiamato Laser a Femtosecondi, una incisione “lamellare” semicircolare sulla superficie corneale, per un diametro di 8-10 mm e per una profondità pari al 20% dello spessore totale della cornea.
    Il chirurgo solleva poi il sottile strato di tessuto e lo appoggia di lato proprio come si apre la pagina di un libro.
  • Nella parte così esposta della cornea viene eseguito il trattamento laser.
  • Alla fine del trattamento il lembo sollevato viene riposizionato nella sua sede originaria, senza ricorrere a punti di sutura né a bendaggio oculare.

Decorso Postoperatorio

Contrariamente a quanto succede dopo un intervento di PRK il paziente non accusa dolori, lacrimazione o fastidio alla luce, ma solo una modesta sensazione di corpo estraneo.
Il recupero visivo è rapido ed avviene in poche ore; la stabilizzazione della visione richiede invece qualche giorno.

Vantaggi della LASIK

  • immediato recupero visivo
  • precisione di esecuzione
  • ben tollerato dall’occhio
  • minor risposta da parte dei tessuti

Grazie a sofisticate apparecchiature computerizzate i nostri laser sono in grado di eseguire un trattamento personalizzato per ciascun paziente.

Il tomografo corneale, il biomicroscopio endoteliale e l’aberrometria con tecnica “wavefront” rilevano infatti anche le più piccole caratteristiche morfologiche della cornea, con una precisione inferiore al millesimo di millimetro.

I dati, elaborati al computer, forniscono al laser le indicazioni necessarie per eseguire un trattamento che rimodella ogni singola superficie corneale con precisione assoluta e con risultati di grande soddisfazione per i pazienti e per… i chirurghi.